comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VIAREGGIO
Oggi 14°18° 
Domani 13°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
giovedì 09 aprile 2020
corriere tv
Conte alla Bild: «Germania non avrà vantaggi dalla recessione degli altri Paesi»

Attualità venerdì 23 ottobre 2015 ore 15:38

Comune e cittadini insieme per i beni comuni

Approvato all’unanimità dal Consiglio comunale il regolamento per la collaborazione tra cittadini e amministrazione nella gestione di beni comunali



CAMAIORE — Trova compimento il lungo percorso partecipativo nell’ambito del progetto “Acque, sentieri e beni comuni” gestito da Comunità Interattive e la stretta collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Pisa. Un processo che ha permesso di affrontare in modo serio e scrupoloso il tema della manutenzione partecipata, dotandosi di un dispositivo ben calato sulla realtà locale e non legato solo al sistema di sgravio fiscale, ma ad una presa di coscienza sui beni pubblici e sui valori della comunità.

Lo strumento centrale del Regolamento è l’Accordo di Collaborazione, un dispositivo estremamente flessibile, capace di coprire la molteplicità di scenari evidenziata dal percorso partecipativo. L’accordo dovrà contenere le modalità di realizzazione degli interventi (comprese le caratteristiche delle coperture assicurative, la durata e le modalità di supporto del Comune) e i benefici fiscali che i cittadini ricavano dalla conclusione dell’accordo. Su questo punto sarà la Giunta Comunale, in sede di programmazione economica finanziaria annuale, a definire le soglie massime per le esenzioni e le agevolazioni stesse. Alcuni esempi di accordo sono inseriti nel documento finale del percorso partecipativo e riguardano la manutenzione ordinaria di scuole e giardini (in particolare nelle Seimiglia e presso l’Istituto Rita Levi Montalcini di Lido di Camaiore) e sei bozze di accordo per la cura di altrettanti sentieri in cui saranno coinvolti cittadini e associazioni del territorio come il gruppo Archeologico, l’Associazione Piè di Monte, l’Associazione Wamdi Ista Team e l’Associazione Seimiglia.

Il centro nevralgico della collaborazione tra cittadini e comune sarà lo Sportello Unico per la Partecipazione, nuova struttura di coordinamento deputata a gestire le proposte di collaborazione sia verso l’esterno, sia nell’iter interno oltre a fornire informazioni utili sulle opportunità di collaborazione tipiche. Fondamentale sarà anche l’attività di rendicontazione, misurazione e valutazione delle attività a cui verrà data opportuna pubblicità.

Il Comune potrà affiancare la proposta d’accordo con attività di progettazione attraverso i propri dipendenti e potrà rimborsare spese relative all’acquisto o al noleggio di materiali strumentali, beni di consumo, dispositivi di protezione individuale, polizze assicurative ed eventuali costi a servizi necessari per l’organizzazione, il coordinamento e la formazione dei cittadini. Sono previste anche forme di autofinanziamento per cui l’ente può prevedere la possibilità di concessione di spazi per iniziative, la possibilità di veicolare l’immagine di finanziatori coinvolti o l’utilizzo di strumenti di raccolta di donazioni attraverso piattaforme telematiche dedicate al crowdfunding.

Il titolo secondo del Regolamento prende spunto dall’ordinanza sindacale 443 del 2014 riguardante gli obblighi di manutenzione costante e periodica per tutti i proprietari frontisti di strade pubbliche o d’uso pubblico e a tutti i soggetti (proprietari, conduttori o affittuari) che conducano e godano di beni privati - confinanti con strade comunali o vicinali, con aree o spazi aperti al pubblico - incolti o abbandonati, di aree artigianali o industriali dismesse, di cantieri pubblici o privati e di aree verdi in genere. Si ricorda che sono previste pesanti sanzioni pecuniarie da 100,00 euro a 500,00 euro per ciascun inadempimento, oltre alla possibilità di intervento diretto del Comune di Camaiore a carico dei trasgressori.

“La partecipazione è ascolto, ma anche e soprattutto un quadro normativo che aiuti veramente il cittadino a incidere nelle scelte. C’è voluto tempo, ma un punto fondamentale del nostro programma elettorale diventa realtà. La partecipazione è un posto dove tutti possono sentirsi a casa, non un luogo dove si entra perché si conosce il padrone”, il commento del Sindaco Del Dotto.

“Il progetto è partito nel 2013 con l’adesione del Comune di Camaiore alla nuova legge sulla partecipazione e il conseguente co-finanziamento, da parte dell’Autorità Regionale per la Partecipazione, del bando poi vinto da Comunità Interattive. C’è grande soddisfazione nel vedere realizzati i nostri progetti e nel constatare l’eccezionale risposta del territorio: c’è voglia di curare il patrimonio comune anche per non disperdere un incredibile bagaglio di conoscenze ed energie”, il commento del Consigliere Comunale con delega alla Partecipazione, Patrizia Gemignani.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca