QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VIAREGGIO
Oggi 14°23° 
Domani 14°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
martedì 16 ottobre 2018

Attualità mercoledì 28 marzo 2018 ore 13:15

Premio Santa Croce Grafica, vince Focacci Menchini

L'artista viareggino ha trionfato con l'opera "Noceria Inferiore, serie Tòpos". Il lavoro sarà esposta a Villa Pacchiani



SANTA CROCE — Con Noceria Inferiore, serie Tòpos, 2016 l’artista viareggino Cristiano Focacci Menchini ha vinto la nona edizione del Premio Santa Croce Grafica, realizzato dal Comune.

Il Premio è nato nel 2001 con l’obiettivo di promuovere l’arte dell’incisione, arte alla quale Villa Pacchiani ha dedicato parte fondamentale della sua attività fin dalle origini negli anni Ottanta.

La premiazione ha avuto luogo sabato 24 marzo, durante l’inaugurazione della mostra che rimarrà allestita e visitabile fino al 22 aprile.

Per l’occasione è stato realizzato un catalogo con le opere degli artisti invitati.

La Commissione che ha designato l’opera vincitrice era formata da Marco Bagnoli (artista), Simone Guaita (Presidente Fondazione Il Bisonte), Ilaria Mariotti, Direttore di Villa Pacchiani, Antonella Strozzalupi (responsabile Servizi Culturali, Comune di Santa Croce sull’Arno) e presieduta dall’Assessore alla Politiche e Istituzioni Culturali del Comune di Santa Croce sull’Arno Mariangela Bucci.

Il vincitore riceve un premio di 2.500 euro e il lavoro andrà a far parte della Collezione del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe di Villa Pacchiani.

Alla nona edizionehanno partecipato 14 artisti che provengono dal territorio nazionale, o che sono attivi in Italia: David Casini, Francesco Casolari, T-yong Chung, Sara Ciuffetta, Fabrizio Cotognini, Giulio Delvè, Marco Di Giovanni, Cristiano Focacci Menchini, Graziano Folata, Chiara Giorgetti, Luca Pancrazzi, Phillippa Peckham, Ivana Spinelli, Giovanni Termini.

La Commissione dopo aver valutato attentamente tutti i lavori presentati, che rispecchiano modalità diverse e prismatiche di affrontare la calcografia come occasione di contemporaneità, si è concentrata sulle opere di Cristiano Focacci Menchini, Graziano Folata, Chiara Giorgetti, Phillippa Peckham.

Infine l’opera Noceria Inferiore, Tòpos di Cristiano Focacci Menchini è stata selezionata quale opera vincitrice. Il paesaggio residuale è stato tecnicamente e concettualmente declinato in una dimensione intima, utilizzando una sorta di collage materico e ottenendo un risultato poetico significativo. L’opera utilizza una tecnica tradizionale aprendosi ad una dimensione concettuale vitale che reinterpreta il tema della natura e dell’artificio.

Anche in questa edizione la generosità degli artisti è stata grande: 11 opere, oltre alla premiata, andranno a far parte della Collezione del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe del Comune di Santa Croce sull’Arno.

L’iniziativa è stata realizzata con il sostegno di Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.A. Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia

Titolo dell’opera vincitrice: Noceria Inferiore, Tòpos, 2016

Tecnica: acquaforte su carta topografica

Anno di esecuzione: 2016

Formato della lastra: mm 595 x 550

Formato della carta: cm 52 x 62

Specifiche di tiratura: unica

Concept di Cristiano Focacci Menchini per Nocera Inferiore

"Tòpos" indaga possibili sviluppi grafici nati come continuum organico delle mappe stesse, integrazione prospettica necessaria per una lettura diversa del paesaggio. Simbologie scientifiche e simbologie immaginifiche si sovrappongono, evocando elementi organici, porzioni di luogo generati da questo dialogo.

Cristiano Focacci Menchini (Viareggio, 1986), vive e lavora tra Pietrasanta e Venezia. Si è laureato in Pittura e Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Venezia. Nel 2013 co-fonda il collettivo How We Dwell con cui è assegnatario di uno studio d’artista presso la Fondazione Bevilacqua la Masa di Venezia. Nel 2015 è stato selezionato da Viafarini DOCVA, Milano, come artista in residenza, il suo lavoro è stato esposto nella mostra collettiva TU35 Officina Giovani Prato curata dal Centro Luigi Pecci di Prato, Milano; Eduardo Secci Contemporary, Pietrasanta; Viafarini DOCVA, Milano; Monitor Gallery, Roma; Dolomiti Contemporanee, Casso.

Tra le mostre personali: 2017 Leda /Grecale, Caterina Tognon gallery, Venezia 2016 Ultrapiante, curata da Samuele Menin, Printworks, Il Foglio 74/b, Milano; The Wind From Nowhere, curata da Eugenia Delfini, Eduardo Secci Contemporary, Pietrasanta.

Tra le mostre collettive: 2017 Trigger Party, Marsèlleria, curata da Siliqoon, Milano; Fondazione Malutta, La costruzione di un errore, Teatrino Grassi, Palazzo Grassi, Venezia, Fondazione Malutta, collezione Malutta, Monitor Gallery, Roma 2016 Learning from Lascaux, Museo di Preistoria Paolo Graziosi Firenze, curata da Fabio Carnaghi.; Pssstt…Stiamo Arrivando…Carta Canta, curata da Samuele Menin. Spazio 74/b, Milano 2015 TU35 Officina Giovani Prato, curata da Francesca Biagini e Niccolò Bonechi. Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato; Painting Now, Riccardo Crespi Gallery, Milano; Le stanze d’Aragona, curata da Andrea Bruciati e Helga Marsala, Rizzuto Gallery, Palermo.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità