Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:VIAREGGIO20°26°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
domenica 13 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tifosi in coro, i finlandesi cantano «Christian» e quelli danesi rispondono «Eriksen»
new

Vaccini, Tar del Lazio respinge l’istanza sul richiamo a 35 giorni

ROMA (ITALPRESS) – Il Tar del Lazio ha respinto l’istanza cautelare urgente di più cittadini che lamentavano la posticipazione della somministrazione della seconda dose di vaccino Pfizer, da 21 a 35 giorni, in violazione del consenso informato e dell’affidamento prestato in sede di sottoscrizione di tale consenso. Il Tar ha osservato che “l’accoglimento della domanda […]



ROMA (ITALPRESS) – Il Tar del Lazio ha respinto l’istanza cautelare urgente di più cittadini che lamentavano la posticipazione della somministrazione della seconda dose di vaccino Pfizer, da 21 a 35 giorni, in violazione del consenso informato e dell’affidamento prestato in sede di sottoscrizione di tale consenso. Il Tar ha osservato che “l’accoglimento della domanda – vale a dire la conservazione dell’originario appuntamento per la somministrazione della seconda dose – avrebbe comportato la soddisfazione integrale dell’interesse dei ricorrenti, possibile solo con l’annullamento dell’atto impugnato da parte della sentenza di merito”.Si tratta di decisione presidenziale urgente, cui seguirà l’1 giugno la decisione cautelare collegiale. In tale sede il Tar Lazio – sezione terza Quater – potrebbe anche pronunciarsi nel merito con sentenza semplificata.(ITALPRESS).
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il nuovo aggiornamento dai report di Regione e Asl nord ovest: numeri bassi sul fronte delle positività, decessi fermi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità