Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:VIAREGGIO11°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mustafa è in Italia, il bambino simbolo della guerra in Siria arrivato a Roma

Attualità mercoledì 01 dicembre 2021 ore 18:17

L'Aids c'è, nel 2021 in provincia 17 casi di Hiv

persone in piedi
Oggi la conferenza stampa di presentazione dei dati e del progetto per le scuole

Se ne parla meno ma la malattia c'è ancora e nella Giornata mondiale di lotta i dati sulla diffusione registrano quest'anno il 58% di infezioni in più



LUCCA — Al 30 novembre 2021 la struttura complessa di Malattie infettive ed epatologia dell'ospedale San Luca di Lucca ha diagnosticato per il territorio provinciale  17 nuovi casi da infezione da Hiv, di cui 3 notificati come casi di Aids. Se ne parla di meno, ma la malattia c'è ancora. 

Così, nella Giornata mondiale di lotta all'Aids, ecco i dati per nulla confortanti sul territorio provinciale dove l'incremento di nuovi casi è sensibile: “Dopo un costante aumento nel 2013 e 2014, una sostanziale stabilizzazione dal 2015 al 2018, un netto calo nel 2019 e un lieve incremento nel 2020 influenzato verosimilmente alla pandemia da Covid-19 - evidenzia il dirigente medico dell’unità operativa complessa Malattie infettive ed epatologia dell’ospedale San Luca di Lucca Michele de Gennaro – nel 2021 si è assistito ad un significativo aumento pari al 58% del numero di nuove infezioni".

I dati relativi al 2021 mostrano una prevalenza del sesso maschile (70%) che ha contratto l’infezione nella quasi totalità dei casi mediante rapporti sessuali promiscui omo ed eterosessuali. L’età mediana dei nuovi casi è di 45 anni con range di età dai 21 ai 64 anni. Il sesso femminile è rappresentato nel 30% dei casi con età mediana di 46 anni.

Nella grande maggioranza dei casi il test è stato effettuato in relazione alla comparsa di sintomi, a riprova della mancata percezione del rischio di esposizione all’infezione da Hiv. Il 40% dei soggetti presentava una significativa riduzione delle difese immunitarie e nel 20% dei casi la malattia si è presentata in fase avanzata per cui si è resa necessaria l’ospedalizzazione per l’insorgenza di gravi infezioni opportunistiche.

Gli esperti ricordano che la diagnosi ritardata riduce notevolmente la possibilità di cure adeguate e tempestive e permette la diffusione inconsapevole della malattia per cui è indispensabile intercettare il sommerso, che rappresenta il serbatoio che alimenta le nuove infezioni. Effettuare il test invece è semplice e può rivelarsi determinante per la salute propria e altrui.

I dati sono stati presentati oggi a Palazzo Ducale, sede della Provincia di Lucca, insieme al progetto UltimorAids Social Network, organizzato con cadenza biennale da Ce.I.S. Gruppo Giovani e Comunità, Azienda Usl Toscana nord ovest e Provincia di Lucca.

Protagoniste del progetto sono le scuole superiori. In questa edizione sono 196 gli studenti partecipanti da 4 istituti scolastici della provincia coinvolti nell’iniziativa: il liceo scientifico Vallisneri di Lucca, il liceo scientifico Majorana di Capannori, l'Istituto Chini Michelangelo di Camaiore e Forte dei Marmi e il Piaggia di Viareggio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il contagio corre e a livello provinciale si registrano 2 ulteriori decessi riferibili al virus. Ecco in dettaglio tutti gli aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità