Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:38 METEO:VIAREGGIO21°34°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Biles: «Nessun infortunio, giusto dare la priorità al benessere mentale»

Attualità venerdì 18 giugno 2021 ore 16:41

In questura nasce la stanza tutta per lei

Il taglio del nastro
Il taglio del nastro

Sono stati inaugurati oggi i locali in cui verranno ascoltate le donne vittime di violenza di genere in un ambiente protetto e accogliente



LUCCA — Picchiate, maltrattate, perseguitate dagli ex: tutta per loro, per le donne vittime di violenza di genere, è la stanza inaugurata oggi nella questura di Lucca dal questore Alessandra Faranda Cordella e dalla presidentessa del Club lucchese del Soroptimist International Francesca Molteni, alla presenza di alcune socie e delle autorità della provincia di Lucca. 

Si chiama Una stanza tutta per sé, come richiamo al saggio di Virginia Woolf sulla libertà delle donne attraverso l’educazione scolastica e l’attività lavorativa, ed è un ambiente accogliente dedicato alle audizioni delle vittime di violenza di genere che denunciano atti persecutori, maltrattamenti, stalking e ogni altro atto violento.

"Si tratta di un ambiente protetto e dedicato - spiega la questura - che mira a creare un approccio meno traumatico con gli investigatori e a trasmettere una sensazione di accoglienza della persona e attenzione per le sofferenze subite. Un progetto importante patrocinato dal Soroptimist International, che dal 2015 ha aperto in Italia 130 stanze, nelle questure e nelle caserme, per l’ascolto di donne che hanno subito violenza".

Da stamani nel circuito c'è anche Lucca, il cui questore Faranda Cordella è anch'essa soroptimista. La stanza è al secondo piano, dove ha sede la divisione di polizia Anticrimine. “La stanza – sottolinea Francesca Molteni – l’abbiamo arredata e ridipinta perché possa essere un ambiente accogliente e poco formale, dove la donna possa sentirsi a suo agio. Un angolo è stato inoltre pensato per accogliere il bambino quando la donna si presenta col figlio. Lo scopo del progetto è sostenere la donna nel delicato e incisivo momento della denuncia di violenze e abusi e nel percorso verso il rispetto e la dignità della sua persona”. 

Il questore sottolinea il grande impegno della polizia nella lotta alla violenza di genere, con la campagna permanente Questo non è amore. La stanza rappresenta un ulteriore tassello per la costruzione di un circuito virtuoso di fiducia tra la polizia, le vittime e gli altri enti coinvolti nella fase di tutela delle donne e dei loro figli, sia pubblici che privati e afferenti ai circuiti di volontariato. 

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore fotografano l'andamento dell'epidemia in provincia di Lucca, dove si contano 53 nuovi contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca