Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:VIAREGGIO18°26°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
venerdì 20 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zaccagni affitta l'Olimpico e con un rigore svela il sesso del figlio

Attualità venerdì 28 gennaio 2022 ore 09:19

Il caro bollette chiude un allevamento su 3

mucche

All'aumento dei costi non corrisponde l'allineamento dei ricavi da latte. Ma non solo le stalle sono in crisi nell'analisi degli agricoltori



PROVINCIA DI LUCCA — Stalle al collasso a causa dei rincari, con un allevamento da latte su 3 chiuso in provincia di Lucca nell'arco di 10 anni. Il dato arriva da Coldiretti Lucca. L’impennata fuori controllo dei costi sta peggiorando ora dopo ora la già precaria condizione di salute degli allevamenti da latte alla prese con prezzi più che raddoppiati di materie prime, mangimi, energia elettrica e gasolio mentre il prezzo al litro alla stalla, pagato da cooperative ed industrie, è rimasto da molto tempo lo stesso. 

Aumento dei costi e mancato allineamento dei ricavi creano una morsa di difficoltà testimoniata anche da Graziano Tardelli, allevatore di Molazzana, nell’Alta Garfagnana. Con le sue 30 vacche da latte produce un latte di grande qualità che oggi è pagato, al litro, appena 0,38 centesimi mentre al supermercato un cartone di latte può arrivare anche a costare tra 1,50 ed 1,70 centesimi. 

“Gli aumenti – ha spiegato Tardelli – sono diretti ed indiretti. Il costo del gasolio è aumentato da 0,40 a 0,83 centesimi al litro, tra novembre ed dicembre pago 6 centesimi in più al quintale i cereali. Il prezzo del latte è però bloccato a 0,38. I consumatori devono saperlo. In aree come la Garfagnana la zootecnica è un valore aggiunto incredibile per il paesaggio, per l’ambiente e per la tenuta idrogeologica. I costi sono attualmente fuori controllo”.

Parla di “situazione esplosiva” il presidente di Coldiretti Lucca, Andrea Elmi: “Gli allevamenti oggi stanno producendo latte in perdita e nessuna attività economica resta in piedi se i costi di produzione sono superiori ai ricavi. Nel mese di Novembre è stato sottoscritto un accordo che impegna la grande distribuzione organizzata a riconoscere agli allevamenti sino a 3 centesimi di euro al litro di latte, con una soglia massima di intervento pari a 0,41 euro/litro alla stalla. Noi ci aspettiamo che questo accordo sia rispettato senza ulteriore indugio e senza perdere altro tempo. Ne va della sopravvivenza degli allevamenti”.

I rincari non riguardano solo le stalle. L’aumento dei costi riguarda anche il riscaldamento delle serre per fiori e ortaggi, l’essiccazione dei foraggi, le macchine agricole e i pezzi di ricambio per i quali si stanno verificando addirittura preoccupanti ritardi nelle consegne. 

Il rincaro dell’energia – continua Coldiretti Lucca – si abbatte poi sui costi di produzione come quello per gli imballaggi, dalla plastica per i vasetti dei fiori all’acciaio per i barattoli, dal vetro per i vasetti fino al legno per i pallet da trasporti e alla carta per le etichette dei prodotti che incidono su diverse filiere, dalle confezioni di latte, alle bottiglie per olio, succhi e passate, alle retine per gli agrumi ai barattoli smaltati per i legumi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
​Il dato emerge dal bollettino regionale che monitora l'andamento dell'epidemia. 1849 i nuovi contagi registrati in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Toscani in TV

Attualità