Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:VIAREGGIO11°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
martedì 07 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Prima della Scala, standing ovation per Mattarella

Cronaca giovedì 28 ottobre 2021 ore 09:41

A caccia di tordi col richiamo vietato

Il richiamo elettronico
Il richiamo elettronico

Sono state le guardie del Wwf con la polizia provinciale a individuare quel canto d'uccello troppo ripetitivo e uguale. Hanno presto capito perché



MASSAROSA — Quel canto di tordo era troppo riptetitivo e via via uguale a se stesso. Le guardie giurate del Wwf e la polizia provinciale di Lucca hanno presto capito perché: un uomo cacciava tordi con richiamo vietato, uno strumento acustico elettronico non consentito per l'attività venatoria.

E' accaduto nell'area comunale di Massarosa in località Montigiano. Dalla zona erano già giunte segnalazioni su dubbie attività venatorie. Gli agenti di vigilanza presenti sul posto hanno individuato il canto di tordo sospetto provenire da un appostamento fisso di caccia. 

Si sono avvicinati ed ecco: hanno sorpreso il cacciatore con l'apparecchiatura vietata. Aveva già abbattuto un tordo. L'uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria per la valutazione del reato penale commesso. "L’uso del richiamo acustico elettronico, il cosiddetto registratore - spiega Guido NassiCoordinatore Provinciale delle Guardie Wwf di Lucca - è una pratica illegale e scorretta che purtroppo ancora oggi non tende ad estinguersi".

In questo periodo di passo della fauna migratoria, il richiamo elettronico viene utilizzato per simulare in maniera sistematica il canto degli uccelli migratori e attrarli con l'inganno verso l’appostamento di caccia per poi abbatterli. "Oggi, questi strumenti di richiamo illegali stanno beneficiando del supporto dell’elettronica - spiega il Wwf - e non è raro rinvenire veri e propri apparecchi elettronici – acustici, programmabili e muniti di telecomando, facilmente occultabili, come anche applicazioni audio installate dal cacciatore all’interno dello smartphone. Davvero una brutta pratica, una forma di bracconaggio che vorremmodavvero non dover riscontrare più".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le vittime registrate nelle ultime 24 ore portano a 706 i totale di morti nell'area provinciale da Febbraio 2020, ovvero dall'inizio della pandemia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca