comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VIAREGGIO
Oggi 13° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
giovedì 02 aprile 2020
corriere tv
I sette robot in corsia che curano i pazienti affetti da Covid19 (e fanno fronte alla carenza di medici e infermieri)

Lavoro sabato 08 febbraio 2020 ore 10:38

Oltre cento imprese in meno in provincia di Lucca

Sono 42.714 quelle registrate al 31 dicembre 2019, 167 in meno rispetto all’anno precedente. I dati diffusi dalla Camera di Commercio



LUCCA — "Una conferma del protrarsi dell’onda lunga della crisi economica iniziata nel 2008 e che si è manifestata con fasi alterne fino ad oggi". Così, la Camera di Commercio di Lucca, commenta i dati relativi alle imprese registrate nel territorio provinciale.

I numeri che emergono dall'analisi dei dati statistici elaborati dall’ufficio Studi e statistica parlano infatti di  42.714 imprese registrate in provincia di Lucca al 31 dicembre 2019, in diminuzione di 167 (-0,4 per cento) rispetto all’anno precedente.

“Il rallentamento dell’economia nazionale e mondiale - ha commentato Giorgio Bartoli, presidente della Camera di Commercio di Lucca – continua a farsi sentire anche nel tessuto imprenditoriale del nostro territorio.”

"A guadagnare terreno - osserva la Camera di Commercio- è stato il settore dei servizi, comprendente 23.193 imprese attive a fine dicembre 2019, con una crescita di appena 33 imprese per un +0,1% nell’anno. Si contaggono invece gli altri settori del tessuto imprenditoriale lucchese: in particolare, le costruzioni hanno continuato a segnalare maggiori difficoltà, scendendo a quota 6.207 imprese attive a fine dicembre per 85 unità in meno (-1,4%) nei dodici mesi. All’interno del comparto industriale, il manifatturiero ha perso 11 unità (-0,3%) attestandosi a 4.208 imprese operative a fine periodo. Sono rimaste stabili le imprese dell’istruzione e della sanità e assistenza sociale. Si sono mostrate contrazione per il settore del commercio, diminuito di 80 unità (-0,8%) a quota 9.345, delle attività finanziarie e assicurative, delle attività di trasporto e magazzinaggio, delle attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento. È proseguita inoltre la flessione dell’agricoltura, silvicoltura e pesca (2.346 imprese attive), in calo di 83 unità (-3,4%) nell’anno. Il comparto artigiano è sempre in difficoltà. Il numero di imprese artigiane attive in provincia è infatti sceso a 11.112 unità a fine anno, in calo di un ulteriore -1,2% (-140 unità) rispetto a dodici mesi prima. L’incidenza del comparto artigiano sul tessuto imprenditoriale operativo provinciale si è quindi ulteriormente ridotta portandosi al 30,7% dal 31,0% di fine 2018. Le iscrizioni di imprese artigiane hanno però evidenziato un lieve recupero, con 784 unità (7,0% delle registrate) nell’anno, un dato distante dalle oltre mille iscrizioni all’anno rilevate fino al 2012 ma che rappresenta il valore più elevato degli ultimi quattro anni. Le 924 cessazioni (8,2%) registrate nei dodici mesi rappresentano invece uno dei valori più bassi dell’ultimo decennio, anche se restano ancora al di sopra del numero delle nuove iscritte. Le imprese guidate da stranieri sono cresciute del +3,3% nel 2019, superando le quattromila unità operative in provincia a fine anno (4.061), per un’incidenza sul tessuto imprenditoriale lucchese dell’11,2% (Toscana: 14,9%; Italia: 10,7%)".

Dall’analisi è possibile, infine, determinare il tasso di sopravvivenza delle imprese.  Questi i principali dati sulla natalità e mortalità delle imprese risultante dal Registro delle imprese, diffusi dalla Camera di Commercio di Lucca sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere, la società delle Camere di Commercio italiane per l’innovazione digitale: "La quota di imprese nate nel corso del 2018 e ancora attive a fine 2019 si è attestata al 77,4%. Tale valore risulta poco più elevato rispetto all’analogo dato registrato per le iscritte nel 2017 (76,3%) e delle iscritte nel 2016 (77,2%) ancora operative a un anno di distanza. Il dato provinciale risulta in linea con la media nazionale (77,2% per le iscritte nel 2018) mentre quello toscano risulta più elevato (79,8%). La sopravvivenza media a due anni dalla nascita si attesta invece al 68,8% (per le iscritte nel 2017), mentre quella a tre anni scende al 64,2% (imprese iscritte nel 2016)".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca