comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VIAREGGIO
Oggi 22°27° 
Domani 21°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Antonio Razzi ‘imita' il Gladiatore Russell Crowe (con una pentola in testa)

Attualità venerdì 13 marzo 2015 ore 14:34

Denuncia Cisl: "In tre anni tasse duplicate"

Il sindacato ha preso in esame i dati dei 50 maggiori Comuni toscani dal 2011 al 2013. L'aumento più consistente nel gettito a Cascina, quello minore a Pontremoli



FIRENZE — La ricerca realizzata dalla Fnp-Cisl della Toscana ha preso in esame le entrate da tributi propri ed ha evidenziato come queste siano cresciute ovunque, con un incremento medio del 91,7%. 

A livello di singole realtà, invece, l'aumento più contenuto è risultato quello di Pontremoli (+3,9%) mentre quello più ampio è relativo a Cascina (+197,3%). Tra i capoluoghi di provincia, Grosseto, Massa, Pisa, Prato e Lucca sono sotto la media, mentre Pistoia, Arezzo, Firenze e Livorno sopra.

Secondo i dati della Cisl, la pressione tributaria media per abitante è passata da 443,17 euro pro capite nel 2011 a 762,15 nel 2013. Gli aumenti più consistenti si sono verificati a Marradi (+540 euro), Viareggio (+556 euro) e Chianciano (quasi 600 euro). Pietrasanta è invece risultato essere il Comune con la maggiore pressione tributaria per abitante, con circa 1.300 euro. 

L'altra faccia della medaglia è invece relativa al fatto che il 40% dei Comuni associano ad una pressione tributaria elevata una spesa sociale elevata: se però la spesa corrente nei è aumentata mediamente del +19,3%, la spesa per gli interventi sociali si è contratta dello 0,2%. I Comuni più attenti alle fasce deboli della popolazione, con esenzioni o agevolazioni, sono risultati Capannori e Piombino.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità