QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VIAREGGIO
Oggi 22°27° 
Domani 21°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
sabato 22 settembre 2018

Attualità sabato 18 agosto 2018 ore 19:20

Salvini "Guardo se arriva un altro barcone"

Folla per il Ministro dell'interno ospite al Caffè della Versiliana dove è stato osservato un minuto di silenzio per le vittime del crollo del ponte



PIETRASANTA — Il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini è stato accolto da un applauso al Festival della Versiliana a Marina di Pietrasanta. Stamattina Salvini era a Genova per i funerali di Stato delle vittime del ponte Morandi e, proprio per rispettare il lutto nazionale, prima dell’incontro è stato osservato un minuto di silenzio. 

La tragedia di Genova e poi l’immigrazione al centro dell’intervista al ministro condotta dal giornalista Augusto Minzolini. In una pausa pubblicitaria, l’evento è infatti trasmesso in onda su alcune tv locali, il ministro guardando il cellulare si è lasciato scappare una battuta: “Guardo se arriva un altro barcone...”.

Sulle politiche migratorie del governo, poi, ha detto che “l’operazione di contrasto all'immigrazione clandestina Sofia sottoscritta dal Governo Renzi nel 2015 ha portato in Italia 45mila clandestini. Stiamo lavorando per rivedere questo accordo perché se siamo in 27 paesi, allora dobbiamo dividere per 27”. L’operazione per il ministro va interrotta perché “Non possiamo essere campo profughi d'Europa”. Salvini si è detto inoltre molto soddisfatto del contratto di governo siglato con il Movimento 5 Stelle e, vista la sua presenza in Toscana, ha fatto riferimento ai risultati delle ultime amministrative e alla caduta delle roccaforti rosse: "Sono contento di aver voltato pagina e Pisa e a Siena e la prossima sarà Firenze e poi la Regione Toscana e Rossi lo mandiamo in vacanza. Pensa a quello stabilimento con Rossi sotto l'ombrellone da una parte e Renzi dall'altra". 

Poi il disastro del ponte Morandi che non deve essere “un’altra Viareggio” ha detto Salvini che proprio ieri ha incontrato i familiari delle vittime della strage del 2009, anch’essi presenti ai funerali di Stato. Il riferimento è ai tempi della giustizia: “Dopo nove anni di processo alcuni reati sicuramente andranno in prescrizione”. “Chi ha sbagliato deve finire in galera. Nessuna vendetta ma giustizia e verità. Bisogna accelerare i tempi dei processi e controllare tutte le infrastrutture pubbliche. Tolleranza men che zero su queste cose”. E riguardo alla proposta di Autostrade sull’indennizzo per le famiglie evacuate da casa a Genova e per quelle delle persone morte Il ministro ha detto che si tratta del  “minimo sindacale”. Sulle concessioni: “Sono state firmate  con clausole a vantaggio dei privati e poi secretate”. In futuro, ha detto Salvini sarebbe migliore “un mix privato pubblico dove il pubblico deve controllare”.

Critica la posizione sul campionato di calcio che “avrebbe dovuto fermarsi “. Solo Sampdoria-Fiorentina e Milan-Genoa infatti sono state rinviate rispettivamente al 19 settembre e al 31 ottobre. 

La discussione ha riguardato anche altri aspetti della politica di governo. Sulle critiche della Cgil al decreto dignità diventato legge Salvini ha detto che solo per questo “sicuramente va bene”.

E sulla Rai dopo la bocciatura di Foa: “Cerchiamo di avere un presidente alternativo alla sinistra”. 

Sui rapporti con Forza Italia: “Le persone le valuto sui fatti non sulle parole”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità