Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:23 METEO:VIAREGGIO20°34°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
lunedì 08 agosto 2022

SHALOM LA CULTURA DELLA SOLIDARIETÀ — il Blog di Don Andrea Pio Cristiani

Don Andrea Pio Cristiani

Nasce a Staffoli nel Comune di Santa Croce sull’Arno (Pi) nel 1950 nella Diocesi di San Miniato. Studia filosofia a Parigi e teologia a Pisa e nel 1974 è ordinato sacerdote. Nel 1974 fonda il Movimento Shalom attivo in 20 paesi del mondo con 22.000 soci. Ha scritto numerosi saggi su riviste specializzate e prefazioni su argomenti riguardanti la pastorale, la Dottrina sociale della Chiesa, le scienze per la pace e per la cooperazione.

​Sintesi di un viaggio nel mondo dell'odio

di Don Andrea Pio Cristiani - domenica 17 luglio 2022 ore 08:00

Non è necessario un report sul viaggio in Ucraina all'insegna della fraternità e della condivisione conclusosi con il rientro dei 12 ambasciatori di pace alle 3 del mattino di ieri, perché già ampiamente documentato dai media e dai social, in primis Avvenire testata molto apprezzata del mondo cattolico.

Mi limito a condividere i pensieri affiorati alla mia mente nel vivere immerso in un contesto così forte di tensioni e contraddizioni.
Ammirato per il grande impegno e la sorprendente apertura della Polonia, così progredita in rapporto al passato, nell'attivare forze e risorse umane da aprire case, cuore e braccia a milioni di profughi ucraini.
Non erano mancati nella storia anche recente incomprensioni e dissidi, ma oggi tutto è superato e i due popoli tanto vicini si sono nella sofferenza ritrovati fratelli.
Politica e Chiesa Polacca, in questo dramma, sono straordinariamente unite per soccorrere, confortare e curare le ferite lancinanti del popolo invaso.
Gli aiuti che giungono dal mondo sono in modo impeccabile amministrati dalla Caritas Polacca che è molto attiva a consegnarli nei territori di guerra.
L'odio anti-russo si respira nell'aria e l’avversione contro Putin è immaginabile anche per un passato di inaudite sofferenze, che i fatti di oggi contribuiscono a rafforzare.
Ma un aspetto che da noi è taciuto riguarda proprio i russi che abitano l'Ucraina, per i quali, o per molti dei quali, rimane una certa nostalgia dall'antica patria.
Il risentimento è talmente forte che le Chiese Ortodosse Russe sono state chiuse perché gli ortodossi russi vengono identificati con i russi invasori.
Questa situazione potrebbe suggerire per quelle regioni culturalmente uniformi ai russi una possibile scelta referendaria delle popolazioni medesime e definire nuovi confini da confederare con lo stato ucraino, senza che perda la sua sovranità.

Per raggiungere questo obiettivo sarà necessaria la pressione di tutti i soggetti internazionali. La chiusura delle chiese ortodosse può innescare anche una guerra civile perché gli ortodossi sono cittadini ucraini ed è dunque una provocazione e un’ingiustizia.
Il nazionalismo viscerale dovrebbe essere smorzato soprattutto dagli agenti istituzionali sia civili che religiosi.
Chiedono sempre più armi e sempre più potenti, ma queste allungano una tragica agonia. Io non voglio parlare di resa perché raggiungere un accordo sarebbe comunque una grande vittoria. Risparmiare vite è una vittoria, cessare le distruzioni è una vittoria, ricominciare a vivere senza violenza e paura è la più grande vittoria.
Dovrà pur finire prima o poi questa guerra e allora sarà comunque già troppo tardi! perché attendere ancora?
L’ostinazione di Putin che si sente appoggiato dai russofoni va smorzata con il dialogo che è ancora possibile. La realtà è molto complicata e per noi difficile da capire, non è paragonabile a nessuna pagina della nostra storia.
Una cosa è certa che la guerra con tutto il suo carico di orrore dovrà finire perché l'alternativa sarebbe l'apocalisse.
L'immagine della bella Leopoli con i suoi monumenti protetti, è l’immagine dell'attesa di una sospirata pace, auspicata da tutte le persone che hanno cuore e mente.

I flussi dei profughi che fuggono dall'Ucraina si sono molto ridotti e anzi si assiste al fenomeno positivo del ritorno. Sta crescendo la consapevolezza che i figli e le figlie di questa bella e eroica nazione abbiano migliori prospettive da vivi che da morti.

Don Andrea Pio Cristiani

Articoli dal Blog “Shalom La Cultura della Solidarietà” di Don Andrea Pio Cristiani