Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:VIAREGGIO20°26°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
domenica 13 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tifosi in coro, i finlandesi cantano «Christian» e quelli danesi rispondono «Eriksen»

Cronaca giovedì 06 maggio 2021 ore 16:12

Scarichi dritti in mare, sigilli all'autolavaggio

guardia costiera

La guardia costiera ha sequestrato un'area da cui le acque con cui si lavavano le macchine finivano in canali non autorizzati e poi in mare



MASSAROSA — Si lavavano le auto, e poi quell'acqua di risulta finiva in un sistema di condotte prive di collaudi e autorizzazioni dentro un pozzetto e poi in un canale che sfociava a mare. Per questo motivo la guardia costiera ha posto sotto sequestro un autolavaggio nel territorio comunale di Massarosa.

L'area operativa su cui adesso sono apposti i sigilli si estende per circa 1.000 metri quadrati, ed è stata controllata nell'ambito dell'operazione Onda Blu conclusasi proprio oggi sotto il coordinamento della direzione marittima della Toscana dopo l'avvio il 7 aprile scorso.

Quello a Massarosa si evidenzia come uno degli esiti più rilevanti dell'intera operazione: "I militari della guardia costiera hanno riscontrato condotte omissive sulla normativa degli scarichi di acque reflue industriali e sugli obblighi di legge riguardanti la gestione dei rifiuti. Le acque utilizzate per il lavaggio delle auto, infatti, venivano canalizzate mediante un sistema di condotte privo di collaudi ed autorizzazioni all’interno di un pozzetto interrato che, successivamente, confluiva in un canale che sfociava in mare", spiega la nota della guardia costiera.

Nell'ambito di Onda Blu sono stati effettuati 1.646 controlli in tutto soprattutto presso gli scarichi idrici sia domestici che industriali, per proseguire in una ricognizione dettagliata del territorio tesa ad individuare eventuali discariche abusive oltre a verifiche in ambito portuale sul rispetto delle regole relative al traffico di rifiuti. Sono state elevate sanzioni amministrative per un ammontare complessivo di 33.736 euro e sequestrate 63 tonnellate di rifiuti.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il nuovo aggiornamento dai report di Regione e Asl nord ovest: numeri bassi sul fronte delle positività, decessi fermi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità