QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VIAREGGIO
Oggi 19°21° 
Domani 19°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
lunedì 21 ottobre 2019

Attualità mercoledì 10 luglio 2019 ore 09:00

"70 assunzioni non bastano, pronti allo sciopero"

L'Ausl annuncia l'assunzione temporanea di 70 tra infermieri e Oss , ma Nursind non revoca lo stato di agitazione: "C'è bisogno di 400 infermieri"



PISA — “Purtroppo l’estate è sempre un periodo di difficoltà, in particolare questa in cui il caldo eccezionale ha fatto aumentare in maniera consistente gli accessi in pronto soccorso ed i conseguenti ricoveri. L’assunzione temporanea di 70 tra infermieri e Oss, in aggiunta agli altri provvedimenti presi nei mesi scorsi, come la totale copertura del turn over e la copertura dell’incremento per le lunghe assenze e per lo smaltimento delle ferie legate ai pensionamenti programmati per l’estate, permetterà sicuramente una migliore gestione dei prossimi mesi”.

Così, al termine di un incontro in prefettura con i sindacati, alcuni giorni fa l'Usl Toscana nord ovest ha annunciato l'assunzione di 70 persone a tempo determinato, ricordando anche che "solo pochi giorni fa hanno cominciato ad entrare in servizio nelle strutture di Pronto Soccorso i primi giovani medici reclutati dalla Regione Toscana".

Tuttavia, l sindacato autonomo delle professioni infermieristiche Nursind ha  annunciato che non revocherà lo stato di agitazione.

“E’ assurdo - commenta Roberta Sassu, segretaria territoriale Nursind - pensare che 50 infermieri e 20 operatori socio sanitari assunti per due mesi possano rappresentare la soluzione alle carenze strutturali dell’area dell’Asl Toscana Nord Ovest: a queste condizioni non possiamo revocare lo stato di agitazione e siamo pronti allo sciopero”. 

“Il classico stratagemma per gettare fumo negli occhi ai lavoratori -  dichiara Sassu-  Queste assunzioni  diluite sui cinque grandi ospedali e le 10 zone territoriali che compongono l’Azienda, si traducono in tre infermieri per ogni struttura, quando l’Asl Nord Ovest avrebbe bisogno di 400 infermieri in più per garantire l’assistenza adeguata. E non a causa delle ferie, ma in generale durante l’anno”.

“In un’azienda in cui ci sono centinaia di infermieri che hanno accumulato fino a 200 giorni di ferie e centinaia di ore di straordinario  - aggiunge Sassu- a cosa possono servire 50 infermieri per 2 mesi? Contestiamo anche il ricorso alle agenzie interinali, quando è presente una graduatoria pubblica per assunzioni a tempo determinato a cui si potrebbe attingere per contratti più dignitosi per i lavoratori e meno costosi per l’Azienda”.

“Negli incontri in prefettura come Nursind non abbiamo riscontrato nessuna apertura sul fronte delle assunzioni – continua Sassu – anzi, si autorizza la dirigenza ad attivare ordini di servizio per coprire le mancanze di organico”.

“Unico dato positivo – conclude Sassu - Nursind ha finalmente ottenuto le date per il pagamento dell'incentivo regionale per il personale del 118, atto dovuto da anni e raggiunto solo sotto la minaccia di portare l’Azienda in tribunale. Se le scadenze non dovessero essere rispettate, siamo pronti ad avviare la causa legale”.



Tag

«Report», l'indagine sulle capsule di caffè che non si smaltiscono e quelle (poche) di alluminio riciclate

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità