Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:VIAREGGIO20°26°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
domenica 13 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tifosi in coro, i finlandesi cantano «Christian» e quelli danesi rispondono «Eriksen»

STOP DEGRADO lunedì 17 maggio 2021 ore 07:30

Facce e scritte sulle pietre della cava Henraux

Le pietre con i graffiti
Foto di: Antonio Duilio Puosi / Facebook

Proprio le rocce all'ingresso del sito dismesso sono degradate dalla vernice con cui sono stati fatti ritratti e lasciati messaggi incomprensibili



STAZZEMA — "Pareti che diventano lavagne per scrivere ogni cosa": sono quelle d'ingresso alla cava Henraux, il polo estrattivo dismesso che si erge suggestivo sul Monte Altissimo a Stazzema. Ci ha fatto una visita il signor Antonio Duilio Puosi che, nel postare su Facebook le emozionanti immagini del sito, non ha potuto purtroppo non lamentare i graffiti vergati sulla pietra nuda dai soliti ignoti. 

"La vecchia Cava Henraux di Arni, abbandonata da tempo, è un posto che ha un fascino particolare, con le sue pareti ferite dall'estrazione del marmo, il suo laghetto che non cambia mai di livello né in estate né in inverno, l'acqua che gocciola lungo il marmo e, purtroppo, i disegni ed i graffiti di chi va li e non trova di meglio da fare".

Volete segnalare situazioni di degrado? Scriveteci attraverso la pagina Facebook QUInewsVersilia oppure inviateci una email in redazione a versilia@quinews.net

Pareti che diventano lavagne dove scrivere ogni cosa..

Pubblicato da Antonio Duilio Puosi su Sabato 15 maggio 2021
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il nuovo aggiornamento dai report di Regione e Asl nord ovest: numeri bassi sul fronte delle positività, decessi fermi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro

Attualità