comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
VIAREGGIO
Oggi 23°27° 
Domani 22°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
sabato 11 luglio 2020
corriere tv
Francesco Bellomo, magistrato destituito perché pretendeva minigonna per le allieve, fa ancora lezione tra le proteste degli allievi che gli gridano «vergogna»

Attualità martedì 06 ottobre 2015 ore 11:54

Arte in lutto per la scomparsa di Francesconi

L'artista Franco Francesconi, noto per i suoi ritratti e i paesaggi urbani diroccati, è morto domenica all'ospedale della Versilia all'età di 87 anni



VIAREGGIO — Uomini che camminano nei cortili della mente, speranza di rinascita dalle rovine del dopoguerra. Sospesa tra natura e storia è l'arte di Franco Francesconi, artista nato a Civita Castellana in provincia di Viterbo, il 23 febbraio 1928. Nell'agosto del 1944 Francesconi dovette interrompere gli studi all'Istituto d'Arte di Pietrasanta a causa dell'avanzata dell'esercito nazista in ritirata. Era a Valdicastello il 12 agosto 1944, giorno dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema e fu rastrellato dai soldati tedeschi insieme al padre e deportato a Bologna. 

Franco Francesconi ha lavorato come disegnatore tecnico del marmo per tutte le maggiori ditte del distretto delle Apuane e della Versilia. Dal 1958 al 1964 è emigrato per lavoro con la moglie Piera in Venezuela, nella capitale Caracas. Dalla seconda metà degli anni '60 ha esposto in numerose gallerie italiane i suoi quadri ad olio. Francesconi ha partecipato anche a numerose mostre collettive, fin dall'inizio della carriera, ricevendo numerosi premi.

L'annuncio della scomparsa è stato dato dal sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro, città dove abitava e lavorava. Lascia le tre figlie, tra cui le colleghe Daniela e Donatella e la sorella Viviana, e i tre nipoti Rossana, Dunia e David Isar.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità