Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:38 METEO:VIAREGGIO21°34°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Biles: «Nessun infortunio, giusto dare la priorità al benessere mentale»

Attualità lunedì 14 giugno 2021 ore 10:21

Sul Parco rosa di interrogazioni a Cinque Stelle

Il Parco

Risorse umane, patrimoniali, faunistiche e ambientali: in consiglio regionale i pentastellati vogliono fare luce sulla gestione complessiva dell'ente



VIAREGGIO — Risorse umane, patrimoniali, faunistiche e ambientali: in consiglio regionale il Movimento 5 Stelle vuol fare luce sulla gestione complessiva dell'ente Parco naturalistico di Migliarino San Rossore e Massaciuccoli e perciò, documentazione alla mano, ha presentato una rosa di interrogazioni alla giunta regionale toscana sui vari aspetti. La tabellina è quella del 5: 5 interrogazioni, 5 richieste di accesso agli atti, 5 Stelle.

Quanto alle interrogazioni, la prima affronta il tema delle Convenzioni per le concessioni degli immobili: "Si chiedono - illustra una nota della consigliera regionale Silvia Noferi - gli importi degli affitti, le date di stipula e delle scadenza delle assegnazioni, se i pagamenti per l’affitto di tutti fabbricati all’interno della Tenuta di San Rossore, nei quali aziende private o Enti diversi svolgono varie attività, sono regolari o meno. Si va dalla scuola d’infanzia, alla bottega del parco, dalle visite guidate ai carabinieri cinofili, dall’albergo al ristorante, dalla mieleria all’ippodromo".

Una seconda interrogazione è presentata In merito agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sugli immobili: "Si chiedono le date dei lavori, gli importi, le attuali destinazioni, lo stato di manutenzione attuale, i piani per la messa in sicurezza e soprattutto per il recupero funzionale di quelli ammalorati. Il sospetto - scrive Noferi - è che, in alcuni casi, siano stati fatti interventi anche molto consistenti (di milioni di Euro) ma poi gli immobili siano stati inutilizzati o lasciati distruggere dall’incuria, come ad esempio nel caso dei pannelli fotovoltaici sul tetto della Villa Il Gombo, ex residenza del Presidente della Repubblica, della foresteria, delle case contadine ristrutturate e poi distrutte, del Fortino, di Villa Giraffa e vari altri". 

Terza interrogazione per la Gestione agro-zootecnica del Parco: "Vogliamo capire quanto sia stato speso per acquistare macchinari come trattori e falciatrici, se vengano utilizzati o se si ricorra a ditte esterne, quanti siano gli ettari coltivati a foraggio per gli animali e se il fieno sia stato comprato da fornitori esterni, perché non trovare abbastanza erba in 25.000 ettari sarebbe una cosa a dir poco assurda. Vogliamo anche sapere se chi gestisce la parte zootecnica, lo faccia con cognizione di causa - asserisce Noferi - perché il caso dei 30 bovini venduti al giusto prezzo senza richiedere una cauzione o un termine, poi svenduti perché nessuno li ha ritirati, pone considerevoli dubbi sulle capacità manageriali di chi abbia il potere di decidere".

Atto quarto, Sulla gestione generale del Parco: "Vogliamo sapere quale sia il piano per il contenimento del rischio incendio perché le enormi cataste di legna recuperata dagli alberi 'stramazzati' (sperando non siano stati tagli a raso), così come i barbecue a disposizione dei turisti, sembrerebbero non tenere in debita considerazione che, un eventuale incendio, distruggerebbe la tenuta e con essa un patrimonio naturalistico unico al mondo. Abbiamo chiesto di sapere anche quanto viene trasferito ogni anno dal Quirinale per mantenere la Tenuta e quanto la Regione Toscana invia all’Ente Parco".

Infine, per ora almento, la quinta interrogazione accende i riflettori Sulla gestione del personale: "Vogliamo leggere i curricula di tutti i 42 dipendenti del parco per controllare soprattutto le competenze accademiche e professionali dei responsabili. Per alcune figure fondamentali come il biologo, il veterinario, l’agronomo, il forestale, il promoter - spiega Noferi - vogliamo sapere se esistono, se sono operativi o in aspettativa, perché abbiamo il forte sospetto che alcuni di loro non siano in servizio e un caso, addirittura crediamo che non sia nemmeno presente in Italia, ma si trovi a Parigi".

Adesso dalle stanze pentastellate si resta in attesa delle risposte, mentre con le 5 richieste di accesso agli atti si mira ancora ad "appurare se le scritture contabili siano state redatte in maniera conforme, se i concorsi per le posizioni apicali siano stati svolti correttamente. Vogliamo controllare anche gli inventari dei mobili che sono “spariti” e sapere dove siano custoditi, se le convenzioni siano state sottoscritte, se ci siano state multe di qualsiasi tipo, da parte dei Carabinieri forestali".

L'attività ispettiva e di controllo dei consiglieri regionali è insomma percorsa a 360 gradi. Già con nuove frontiere: "Nei prossimi mesi passeremo al vaglio anche tutta la parte relativa al Lago di Massaciuccoli e al fiume Serchio, con i relativi progetti sul tavolo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore fotografano l'andamento dell'epidemia in provincia di Lucca, dove si contano 53 nuovi contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca