Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:VIAREGGIO18°  QuiNews.net
Qui News versilia, Cronaca, Sport, Notizie Locali versilia
martedì 02 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ibrahimovic a Sanremo: «Il duetto con Mihajlovic? Speriamo che anche lui non sappia cantare»

Attualità mercoledì 20 gennaio 2021 ore 08:55

Per il alunni speciali sostegno anche a distanza

alunna

Le ore di assistenza specialistica agli scolari con disabilità non verranno più prestate solo in presenza ma anche quando il bambino non è in classe



FORTE DEI MARMI — Sostegno anche a distanza per gli alunni con disabilità: è il progetto messo in campo da lunedì scorso nel comune di Forte dei Marmi. Finora l'assistenza specialistica ai bimbi speciali veniva prestata solo in presenza. In tempi di didattica a distanza, però, ai ragzzi mancava l'aiuto.

Dunque ecco l'idea della Cooperativa Gardenia che gestisce il servizio di portarlo avanti anche quando il bambino non si trova fisicamente in classe. La proposta è piaciuta tanto al Comune quanto alla sirigente dell’Istituto Comprensivo e alla coordinatrice dell'Istituto Canossa, dunque ecco l'avvio del nuovo servizio.

“Si tratta di una diversa e più completa modalità di intendere il sostegno scolastico per gli studenti con disabilità – spiega l'assessore al sociale Simona Seveso - finora il nostro Comune ha sempre garantito agli alunni di Forte dei Marmi, frequentanti qualunque ordine e grado di scuola, pubblica o paritaria, le ore settimanali di assistenza specialistica richieste dall'Istituto frequentato, sulla base di appositi piani personalizzati, nella ferma convinzione che sia necessario investire risorse per favorire ed aiutare soprattutto i ragazzi con maggiori difficoltà.”

Ore che venivano prestate in presenza, vale a dire nei giorni in cui lo studente era effettivamente in classe, ma il confinamento prima, la didattica a distanza e le diverse quarantene, poi, hanno fatto comprendere come in questo modo proprio gli studenti più bisognosi di aiuto finissero per risentirne maggiormente, perdendo preziosissime occasioni per la loro crescita educativa.

“Nella pratica – spiega l’assessore - gli educatori svolgeranno ugualmente l’orario assegnato, seguendo le lezioni dei docenti e successivamente rielaborando e schematizzando all’alunno disabile il materiale proposto in classe, creando mappe progettuali, aiutandolo tramite collegamento video nello svolgimento dei compiti assegnati.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità